Un modo semplice ed economico per dimagrire, sentirsi in forma e riordinare le idee? Esiste ed è facilissimo: si chiama camminare. Oppure, se preferite, se volete sentirvi maggiormente al passo (è il caso di dirlo) con i tempi, si chiama fitwaking. In un caso o nell’altro, se saprete esercitarvi con continuità, ovvero quasi ogni giorno, avrete raggiunto il vostro scopo. Perché diciamolo: il fitwalking non è altro che un camminare con consapevolezza e buona tecnica, a passo sostenuto e corretto.

Camminare fa bene. Farlo per trenta minuti al giorno, ogni giorno, ha lo stesso beneficio della corsa, con il vantaggio che un’andatura più leggera e cadenzata può preservare dal rischio di infortuni e non logorare articolazioni e muscoli.

Camminare riduce prima di tutto il rischio di andare incontro a problemi vascolari e in definitiva agli infarti che – come sanno bene gli assicuratori – rappresentano ancora oggi in Italia la causa principale dei decessi. Camminare diminuisce anche il rischio di sviluppare il diabete, alcune tipologie di cancro, inoltre contrasta il colesterolo e la pressione alta. Incide anche sull’umore, sviluppando endocrine, contribuisce anche a combattere la depressione, quindi ancora più se si cammina in compagnia.

Certo è consigliabile, prima di mettersi in marcia, prendere precauzioni. Vale la regola di indossare l’abbigliamento adeguato, come per la corsa, sia per poter essere ben visibili dagli altri, di giorno e di notte, sia per proteggersi al meglio dal freddo o anche dal caldo. Fondamentale la scelta delle calzature, per evitare talloniti o altre complicazioni. Portate sempre con voi iltelefono cellulare: camminando si può, e si tratta di un bel vantaggio per qualsiasi evenienza.

Ciò che conta poi, per quanto riguarda la corretta tecnica, è fare attenzione alla postura. I piedi hanno un ruolo fondamentale. Il contatto del suolo con il tacco deve essere accentuato per compiere in scioltezza il passo, le dita devono essere in posizione verticale, puntando in avanti. Il movimento delle gambe deve essere energico, si deve sentire il lavoro delle gambe.

Il bacino e il movimento delle anche permettono al passo di sviluppare la giusta velocità e di mantenere fluida e armonica l’azione. È quindi importante imparare a muoversi con naturalezza a livello del bacino. Per un gesto fluido ed elegante.
Una buona azione del bacino tonifica inoltre i muscoli laterali del tronco e il girovita con indubbi vantaggianche di tipo estetico. Il bacino è la cerniera tra l’azione degli arti inferiori e la parte superiore del corpo.
Il tronco deve trovarsi sempre in asse con le gambe formando una linea continuativa tra gambe e busto.
Se il busto è proiettato in avanti, ma il bacino si mantiene arretrato l’azione non sarà armoniosa ed elegante, mentre un arretramento eccessivo rallenta notevolmente l’avanzamento.

Le braccia aiutano il dinamismo se ondeggiate correttamente, in armonia con i piedi. Le spalle assecondano il movimento delle braccia, senza eccessi in avanti o indietro.

Infine il collo e la testa, che formano un’unica linea molto importante per la postura. Testa ben dritta, allungando la colonna vertebrale, ma sempre con la massima naturalezza.

Che dite, andiamo?

Categories: Sport

Tu cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.