Il massaggio sportivo consiste in tecniche eseguibili su specifiche regioni corporee per migliorare le performance sportive e atletiche

Il massaggio sportivo è consigliabile prima, dopo e durante la prestazione sportiva per evitare i fastidiosi crampi. Come suggerisce il nome, il massaggio sportivo consiste in tecniche eseguibili su specifiche regioni corporee per migliorare le performance sportive e atletiche. Diverse le finalità del massaggio, sebbene tutte fondate su presupposti scientifici. Generalmente nei massaggi che si eseguono prima di ciascuna prestazione sportiva si utilizzano delle creme per scaldare i muscoli mentre in quelli post gara si usano degli olii e delle lozioni con azione defatigante o anche antinfiammatoria.

Il massaggiatore evita accuratamente di trattare alcune zone come tibia, rotula, pube, zona epatica, sterno, capezzoli, clavicola, colonna vertebrale, tendine d’Achille. Esistono tuttavia varie tecniche, come la battitura, la frizione (dinamica e statica), l’impastamento, il rotolamento, lo scuotimento, la percussione e il pizzicamento. La durata della seduta naturalmente è variabile poiché dipende dal tipo di sport e dalla preparazione atletica di chi lo riceve.

I benefici del massaggio sportivo

Lo si può ricevere prima di una gara, come preparazione, durante le pause della competizione o anche dopo per attenuare la stanchezza. Di solito, il massaggio sportivo viene praticato in abbinamento allo stretching per attenuare le conseguenze dovute a produzione di acido lattico, sciogliere crampi e tensioni muscolari, risolvere problemi di fibrosi muscolare e stiramento. Tra gli effetti benefici del massaggio sportivo vi è la riduzione delle tensioni muscolari, la diminuzione dei livelli di cortisolo, e quindi di ansia. Un aumento delle endorfine provoca infatti una riduzione della sensazione dolorifica.

Il massaggio sportivo, inoltre, può anche ridurre la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa dalla stimolazione locale, dal drenaggio per la rimozione dell’acido lattico e dal decongestionamento dei tessuti. Migliora inoltre la circolazione, rilassa la muscolatura contratta, favorisce il ricambio metabolico, agevola il drenaggio delle tossine prodotte durante lo sforzo, accelera i tempi di recupero e produce effetti benefici sul sistema nervoso, favorendo il rilassamento neuromuscolare.

Tu cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.