Nel libro “Il caso Moro. La battaglia persa di una guerra vinta” l’autore, Gianni Oliva, ricostruisce uno dei momenti più duri della storia italiana

Per chi in estate volesse dedicarsi alla lettura di romanzi storici, l’ideale potrebbe essere “Il caso Moro. La battaglia persa di una guerra vinta”. Nel libro scritto dallo storico Gianni Oliva viene ricostruito una dei più periodi più duri e controversi della storia della Repubblica italiana. Il volume è stato edito nel 2018 dalla casa editrice torinese Edizioni Del Capricorno che ha riservato una specifica collana proprio ai libri che raccontano le vicende storiche dell’Italia e non solo.

Il libro racconta la cronaca del sequestro e dell’omicidio del politico Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse

“Il caso Moro. La battaglia persa di una guerra vinta” è infatti un libro che narra la figura di Aldo Moro e dei componenti della sua scorta morti il 16 marzo del 1978 durante l’agguato di via Fani a Roma. A 40 anni da quel tragico giorno, lo scrittore trofarellese Gianni Oliva, storico e scrittore, racconta il tragico avvenimento che colpì l’Italia intera tenuta a scacco dalle Brigate Rosse.

Un commando bloccò le auto che trasportavano Moro e la scorta che lo segue uccidendo tutti i 5 uomini incaricati della sicurezza del presidente della Democrazia Cristiana rapendo lo statista. Fu l’inizio di uno dei periodi più duri, controversi, decisivi nella storia della Repubblica, un dramma spietato che si concluderà solo il 9 maggio di quell’anno, con il ritrovamento del corpo di Moro nel bagagliaio di una Renault 4 rossa in via Caetani.

Quello di Gianni Oliva (nella foto) è un libro di grande forza narrativa ed emotiva, scritto per i tanti che di Moro conoscono solo il nome ed il suo destino ma non ricordano i fatti ed il contesto. Il libro è rivolto anche a quelle persone che dello statista di origini pugliesi non sanno quasi nulla perché nati e formati da una scuola in cui la storia antica prevale su quella contemporanea. Gianni Oliva da anni si occupa di studiare ed approfondire gli argomenti più controversi e significativi della storia contemporanea.

Tu cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.