L’incontro “Da Leonardo a Cavour: la visione del cambiamento” verrà ospitato domani, giovedì 3 ottobre, dalla Fondazione Cavour di Santena

SANTENA, 3 ottobre 2019 – Un viaggio tra i percorsi concettuali di Leonardo, le intuizioni di Cavour, la storia delle acque e dei risi piemontesi. Tutto questo nell’incontro “Da Leonardo a Cavour: la visione del cambiamento” che verrà ospitato domani, giovedì 3 ottobre, dalle 9,30 alle 13,30 dalla Fondazione Cavour di piazza Visconti Venosta 2 a Santena. L’appuntamento ad ingresso libero è organizzato dalla Coutenza Canali Cavour e dall’Ordine dei Giornalisti del Piemonte con il patrocinio dell’Anbi Piemonte, del Collegio Interprovinciale dei Periti Agrari Laureati di Alessandria, Asti, Cuneo, Torino e Valle d’Aosta, dell’Ente Nazionale Risi di Milano, dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali e della Regione Piemonte.

Ben quattro secoli separano Leonardo Da Vinci, di cui quest’anno si celebrano i 500 anni dalla morte, da Camillo Benso Conte di Cavour. Entrambi, però, erano accomunati da una visione proiettata al futuro, al cambiamento ed all’innovazione, anche nel settore dell’agricoltura. A questi due personaggi si deve infatti la creazione delle risaie italiane. Furono infatti il primo esempio di recupero del territorio e di sostenibilità agroambientale in Europa.

Chiamato alla Corte degli Sforza, Leonardo tracciò i primi canali irrigatori e regolò le acque necessarie per la coltivazione del cereale. Cavour sviluppò invece l’idea con la costruzione del canale a lui intitolato. Un’opera costruita in tre anni che trae origine dal Po a Chivasso e termina scaricandosi nel Ticino a Galliate, in provincia di Novara.

Il programma del convegno

L’inizio dei lavori è previsto alle 9,30 con la registrazione dei partecipanti ed i saluti istituzionali. Si alterneranno quindi i relatori che saranno Luigi Guidobono Cavalchini, ex ambasciatore a Parigi e rappresentante permanente a Bruxelles per l’Italia, Gabriele Conte, Brand Evangelist, Eleonora Miniotti e Cesare Rocca dell’Ente Nazionale Risi, Pietro Piccariolo dell’Accademia Agricoltura ed ex presidente della Georgofili e Francesco Brugnetta, sceneggiatore e regista.

Interverranno anche Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte, Alberto Sinigaglia, presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, Nerio Nesi, presidente della Fondazione Cavour, e Paolo Carrà, presidente dell’Ente Nazionale Risi. Il convegno, che riconoscerà i crediti formativi ai periti agrari e ai giornalisti iscritti che parteciperanno, si concluderà con una degustazione di risi e del nuovo sake nero italiano a cura di “Risobuono” e de “Gli Aironi” accompagnati dai vini del Piemonte di Casa Ceretto.

Nel pomeriggio, a partire dalle 14,30, si svolgeranno su prenotazione anche delle visite guidate al parco del castello Cavour ed alla tomba dello statista. Sarà inoltre possibile anche compiere un viaggio virtuale nel mondo della risaia a cura dell’Ente Nazionali Risi (per ulteriori informazioni e prenotazioni: stampa@estsesia.it).

Tu cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.