Il dramma scritto dallo statunitense verrà portato in scena da Idea Teatro il 9 marzo al Giulia di Barolo, il 16 a Poirino ed il 31 al Piccolo Teatro Comico

Idea Teatro porterà in scena a marzo in 3 date “Un tram che si chiama desiderio”, il lavoro di Tennessee Williams. Il dramma scritto dall’autore statunitense nel 1947 viene considerato una delle opere teatrali più importanti del ventesimo secolo dopo aver vinto anche il premio Pulitzer per la drammaturgia nel 1948. Protagonista dell’opera è Blanche du Bois che, da poco vedova, si trasferisce nella casa della sorella Stella, sposata insieme al rozzo Stanley Kowalski. Blanche non sa adeguarsi ai cambiamenti della società ed al progresso, il mutamento la trova impreparata, si sente tradita, sporcata, violentata.

E quando la realtà opprime e soffoca, la volgarità ripugna e affrontare le cose per quello che sono provoca ribrezzo e paura, nasce inevitabilmente un desiderio struggente di evasione. Nel dramma, Blanche si scontra inevitabilmente con Stanley, giovane affamato di vita e di sesso, fino a sfidarlo e a provocarne la violenza più cieca. La “prima” verrà ospitata questa sera, sabato 9 marzo, alle 21 a Torino al teatro Giulia di Barolo (piazza Santa Giulia 2/b). L’opera verrà quindi replicata sempre alla stessa ora il 16 marzo prossimo al salone Italia di Poirino (passeggiata Guglielmo Marconi) ed il 31 marzo al “Piccolo Teatro Comico” di Torino (via Mombarcaro 99).

La regia è stata affidata a Sandro Calabrò con l’aiuto di Dinesha Di Francesco che si sono occupati anche degli adattamenti. Giorgio Fissore è invece l’actory coaching, Giorgia Guglielmi la grafica e Luca Bevilacqua l’addetto alle luci ed ai suoni. Il cast degli attori è invece formato da Dinesha Di Francesco, Sandro Calabrò, Liliana Fichera, Mariagrazia Graziano, Paolo Calabrese, Monica Mirabella, Lucia Puppo, Elena Rosina, Dominique Scazzola, Federica Fiorentino, Jessica Chiarella, Sabrina Corsini, Dorella Apa, Matteo Paradiso, Diego Catalano, Fabio Fonseca, Antonello Driutti, Malvyna Lasepo, Francescantonio D’Introno, Paola Di Bernardo, Stefano Sivo e Andrea Finamore.

L’associazione culturale Idea Teatro (nella foto, una scena di “Lettere di un amore americano” portata in scena nel 2017) è stata fondata nel 1999. La compagnia nasce dal desiderio di Sandro Calabrò, di valorizzare le proprie esperienze maturate dall’insegnamento delle tecniche teatrali (presso il C.I.S.AC. di Torino ed in collaborazione con le Associazioni Officina della Magia, New Age ed il centro culturale H.G. Welles) in percorsi di approfondimento maggiormente allineati con le proprie sensibilità interpretative. Fin dalla sua nascita, Idea Teatro organizza laboratori di recitazione di livello base ed avanzato collaborando con il teatro l’Espace di Torino, con il Comune di Borgaro Torinese e dal 2014 con il teatro Giulia di Barolo di Torino. Dal 2012, inoltre, ha inaugurato la sezione canto, per ampliare la propria offerta e per rendere più facile il connubio fra prosa e musica.

Tu cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.