POIRINO, 22 marzo 2019 – “Cosa faresti con dieci milioni di Euro? Fusione tra Comuni: parliamone insieme”. E’ il tema dell’incontro organizzato dalla Lista Giovanni Crivello venerdì 22 marzo nella sala conferenze “Gaidano” di via Roma 17 con inizio fissato alle 21. Si tratta di una serata informativa rivolta a tutta la cittadinanza poirinese durante la quale verrà illustrata latematica della fusione tra i Comuni analizzando i benefici e le criticità che questa manovra comporta. Sarà inoltre un’occasione per approfondire l’argomento con l’aiuto di esperti sul tema e le testimonianze di Sindaci che hanno già effettuato la fusione tra Comuni.
Per questo sarà presente all’evento per spiegare alla cittadinanza i vantaggi di questa operazione Marco Balagna, coordinatore degli Enti locali. Altrettanto importanti saranno le testimonianze di Marco Gallo, Sindaco di Busca (fusosi per incorporazioni con Valmala e arrivando così a 10.177 abitanti), e di Remo Minellono, già Sindaco di Alice Superiore, dal 1° gennaio di quest’anno Comune di Val di Chy, a seguito della fusione tra Alice Superiore, Lugnacco e Pecco.
Quest’ultima è stata la prima fusione tra più Comuni della Città Metropolitana di Torino per la creazione di uno unico con la sede legale che è stata stabilita nel Municipio di Pecco e quella operativa ad Alice Superiore presso gli uffici dell’Unione dei Comuni Montani della Valchiusella.
Invitati a partecipare anche i sindaci emeriti di Poirino e anche l’attuale Giunta: «Per ora abbiamo avuto la conferma da parte dell’ingegner Tamagnone, dell’avvocato Gambino e del professor Crivello. Riteniamo l’argomento della fusione tra Comuni di particolare interesse per Poirino” interviene Federico Basso, capogruppo della Lista Giovanni Crivello – alla luce della più generale contrazione dei trasferimenti agli Enti Locali da parte dello Stato e della conseguente difficoltà da parte di questi ultimi a far fronte alle esigenze di carattere gestionale sia per gli aspetti di ordinaria che per quelli di straordinaria amministrazione. Un’operazione avviata già in altri Comuni e che potrebbe portare dei grossi benefici economici anche a Poirino”.
Al termine dell’incontro si aprirà un dibattito sul tema durante il quale sarà possibile per i cittadini interloquire con gli esperti ed i Sindaci presenti. A Poirino ci si lamenta spesso delle buche nelle strade, dei marciapiedi da rifare, dei servizi mancanti, ma per fare tutte queste cose occorrono, come evidente, molti soldi – sottolinea Basso – questi o si prendono dalle tasche dei cittadini o si trovano cogliendo delle opportunità. Al momento la fusione pare essere tra le più vantaggiose”.

Tu cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.