La prima casa funeraria a Chieri è stata realizzata in via Don Perosi 2 dalla famiglia Aiassa, proprietaria delle Onoranze Funebri La Cattolica

CHIERI – Un luogo familiare in cui chiudersi nel dolore del lutto. Stanze sobrie e intime per rispetto alla perdita di una persona cara, in cui condividere con i propri affetti un momento doloroso ma importante. Si presenta così la prima Casa del commiato di Chieri realizzata dalla famiglia Aiassa proprietaria delle Onoranze Funebri La Cattolica in via Don Perosi 2. Uno spazio, aperto da fine settembre, in cui poter salutare per l’ultima volta il proprio caro estinto come se si fosse tra le mura domestiche:

«Dire addio a una persona cara non è facile – motiva la nascita della Casa Funeraria Beppe Aiassa, titolare delle Onoranze Funebri La Cattolica – Al giorno d’oggi lo è ancora meno. Se in passato il commiato avveniva in casa, oggi le abitazioni sono più piccole e non si prestano alla veglia o al via vai di parenti e amici. Oltretutto i decessi avvengono spesso in ospedale o in case di riposo e il congedo della salma avviene in camera mortuaria». Chi c’è stato però sa quanto questi luoghi non siano “a misura di lutto”: stanze poco accoglienti, talvolta da condividere con altre famiglie, orari di accesso limitati, ambienti freddi ed impersonali.

L’ingresso della casa funeraria Aiassa di via Don Perosi 2 a Chieri

Elementi poco consoni al momento difficile che, chi ha perso qualcuno, sta vivendo: «Da qui e su richiesta di molti nostri clienti è nato il progetto della Casa Funeraria, per creare ambienti adatti, che tra l’altro, nel caso in cui il decesso avvenisse in ospedale, sono ben più accoglienti e riservati di un freddo obitorio – sottolinea Aiassa – La Casa Funeraria è una struttura che mette a disposizione delle famiglie che hanno subito un lutto uno spazio idoneo sotto ogni aspetto, riservato e in grado di rispondere alle esigenze diverse di ogni famiglia».

La “Funeral house” o casa del commiato è un’idea relativamente nuova in Italia, ma molto diffusa nei paesi anglosassoni. I motivi che hanno spinto questa usanza oltreoceano sono legati ad una trasformazione sociale, che sta avvenendo anche nel nostro Paese e ha coinvolto la tradizione del commiato: «L’abitazione deve rimanere il luogo dei ricordi belli vissuti insieme senza avere la memoria della cassa e degli addobbi funebri in una delle stanze dell’abitazione – spiega Aiassa – La Casa Funeraria ci permette di preservare i momenti migliori, legando il commiato a uno spazio familiare, ma non alla propria dimora . Così anche affrontare il decesso diventa un pochino più facile».

I trasferimenti in Casa Funeraria La Cattolica vengono effettuati dall’impresa funebre entro le 15 ore dal decesso su tutto il territorio piemontese.

«Vogliamo che sia un servizio utile non solo ai chieresi, ma a tutto il territorio regionale – prosegue Aiassa – Garantendo la nostra reperibilità 24 ore su 24 e 7 giorni su 7». La gestione avviene con appositi mezzi autorizzati. A trasferimento avvenuto, per famigliari e amici, è possibile fare visita al proprio caro nella stanza riservata alla famiglia: «La nostra Casa Funeraria offre spazi appositamente creati per far sentire la famiglia come a casa propria e rispetta le normative igienico sanitarie di trattamento della salma. – descrive Aiassa – È fornita di un impianto di filodiffusione per cui è possibile scegliere la musica di sottofondo che meglio dia conforto. Ogni stanza ha una temperatura costante di 18°C e il 60% di umidità con 15 ricicli d’aria ogni ora».

La prima casa funeraria a Chieri è stata realizzata in via Don Perosi 2 dalla famiglia Aiassa, proprietaria delle Onoranze Funebri La Cattolica
Gli spazi interni della casa funeraria Aiassa per far sentire i parenti del defunto come a casa

Gli orari di visita sono ampi, dal mattino alla sera in orario continuato e consentono alle famiglie di avere elasticità di accesso. Per tutto il periodo di apertura è attiva una reception in grado di fornire risposte e gestire eventuali emergenze per chi ha parenti che arrivano da luoghi lontani. «La cura dei locali, compresi la scelta dei colori degli ambienti, la riservatezza, la ricezione sono gli elementi di eccellenza del progetto sul quale abbiamo puntato a partire dal personale qualificato a disposizione per ogni singola esigenza o necessità – sottolinea Aiassa – Utilizzare la casa funeraria non avrà nessun costo aggiuntivo sul servizio funebre, va semplicemente comunicata con tempestività la scelta durante la chiamata dell’impresa funebre». Per informazioni telefonare ai numeri 011/9472310 o 011/9472253.

Categories: Lifestyle Tendenze

Tu cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.