inverno
AlimentazioneBenessere

Inizia l’inverno: i cibi per fare il pieno di energia e contrastare il freddo

Oggi, 21 dicembre, inizia ufficialmente l’inverno. Il termometro scende e il corpo richiede più calorie per mantenere costante la propria temperatura. Proprio per questo non bisogna allarmarsi se nei mesi invernali si ha più appetito e si è naturalmente orientati verso piatti più energetici.

Anzi, la fame è un sintomo da ascoltare, pur cercando di evitare le vivande più nocive, come quelle ricche di grassi e di zuccheri in eccesso. Sempre banditi gli alcolici, mentre va incoraggiata l’attività fisica.

La dieta d’inverno non è quindi una vera e propria dieta, piuttosto uno stile di alimentazione sana. Dunque no a cibi lavorati o confezionati, minimo il ricorso al congelatore. Bene la frutta e la verdura di stagione, meglio se bio o a chilometro zero.

La scelta è vasta e i piatti appetitosi non mancano: carni rosse, formaggi stagionati (purché in modica quantità), anche salumi (ma sgrassati). La frutta secca è sdoganata: noci, nocciole, mandorle, arachidi. Quanto alla frutta e ai vegetali arancio-gialli, sono da preferire.

Primi tra tutti i cachi e le zucche

Proprio le zucche sono fonti ottimali di vitamina A, C, E, K, fosforo, calcio e fibre. E anche i cavoli. Il cavolo poi è un potente anti-freddo e incontra i gusti dei più, grazie alle sue numerose varietà: dal cavolo nero toscano, alla verza; dal cavolfiore tradizionale, a quello romano; dai cavolini di Bruxelles al cavolo viola.

Gli ortaggi in inverno del resto abbondano e sono tutti assai gustosi. Carciofi e cardi, ricchi di ferro, sono tra i più amati per il sapore deciso. Apprezzati anche le rape, i topinambur, le patate e i finocchi. In particolare i finocchi sono tra le verdure più dietetiche: solo 9 le calorie per etto. Hanno elevato potere saziante, sono digestivi, drenanti e ricchi di minerali. Le verdure sviluppano al meglio il proprio potere saziante quando cucinate a fuoco lento in zuppe e minestroni. Preferibile consumarli la sera, come piatto unico, leggero, e tuttavia ricco di aromi.

L’arancia è preziosa per la dieta dell’inverno

Ecco che in aiuto all’organismo, per difenderlo dalle aggressioni esterne che in questa stagione si fanno più minacciose, arriva la frutta, in particolare l’arancia, protagonista nella dieta dell’inverno.

Questa specie di “pomo d’oro” invernale porta il sole dell’estate alle nostre cellule, grazie all’elevato contenuto di vitamina C, protegge e rinforza ed è indispensabile nella dieta dell’inverno, oltreché antiossidante naturale.

Via libera quindi a spremute e spuntini a base di questo frutto prezioso, ma anche a base dei suoi “fratelli” mandarino, clementine, pompelmi. Un’idea originale, per preparare uno spuntino a cui cedere ogni tanto durante i lunghi mesi invernali, può essere una delicata torta all’arancia!

 

Redazione
Giornalismo, design e pubblicità per brand in crescita |Chieri|Torino|Brescia|Roma

You may also like

Tu cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.